Utilizzo dei gel igienizzanti

Utilizzo dei gel igienizzanti
09.10.2020

Da quando si è iniziato a parlare di Covid19 l’igiene delle mani è stata più volte indicata tra le prime forme di precauzione per evitare il contagio: questo perché virus e batteri si annidano tra le dita, sui palmi e basta un contatto con le mucose e il contagio è avvenuto.

Ma vediamo insieme alcuni aspetti riguardanti la salute delle mani e la loro igiene.

Il continuo lavaggio delle mani e l’utilizzo di disinfettanti non è però il massimo per la pelle di questa parte del corpo e può non essere salutare per la pelle di questa parte del nostro corpo.

Buone pratiche

Onde evitare la formazione di screpolature e altri disturbi della pelle, come le dermatiti, è importante assumere, in primis, una serie di accortezze:

  • non eccedere con i gel idroalcolici, se possibile, preferire acqua e sapone;

  • non utilizzare acqua troppo calda, potrebbe indebolire il film idrolipidico della pelle;

  • evitare di mangiarsi le unghie e le pellicine (lo si dovrebbe evitare sempre), che possono causare micro-ferite aperte a virus e batteri;

  • usare creme idratanti che aiutino la cute a tornare al suo naturale equilibrio, per contrastare l’azione irritante dei gel disinfettanti.

Prevenire e rimediare: basta utilizzare i prodotti giusti

La cute secca può causare arrossamenti e fissurazioni che, come anticipato, danno la possibilità a batteri e virus di entrare, provocando infezioni.

Meglio utilizzare saponi liquidi privi di tensioattivi e a base di sostanze idratanti, come il burro di karitè. Per contrastare la secchezza sono necessarie delle creme idratanti che proteggano e riparino la barriera cutanea, ancor meglio se ricche di ceramidi e acidi grassi.

Non eccedere con i gel e gli altri prodotti disinfettanti è importante, ma è altrettanto importante saper scegliere quelli giusti, meglio ancora se non aggressivi nei confronti della pelle, meglio ancora se arricchiti con sostanze umettanti ed emollienti per la cute, le quali minimizzano l’effetto disidratante dell’alcool e ne incrementano l’attività biocida, attraverso un prolungamento del tempo di asciugatura e, pertanto, del tempo di contatto con il principio attivo.

Quando le screpolature e le dermatiti non vanno via, esistono anche preparazioni topiche a base di acido ialuronico 0,2%, che favoriscono il ripristino del naturale grado di idratazione della pelle e della sua integrità di barriera, in caso di mani danneggiate, irritate.

Se hai qualche dubbio oppure vuoi semplicemente approfondire l’argomento, contattaci. Il nostro team di professionisti è a tua totale disposizione.

Commenti: 0

Lascia un commento

L'indirizzo email non puo' essere pubblicato . I campi richiesti sono contrassegnati*